+39 338 886 6755 Contattaci
Giampiero Guglielmi: “Vi presento Anpals”

Intervista al presidente dell’Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi

Tutto nasce da un gruppo Facebook, “Apriamo le palestre”, nato nel corso del lockdown per ascoltare, dare consigli, offrire uno spazio di incontro e confronto agli operatori delle palestre e dello sport. Un gruppo che nel giro di pochi giorni ha conosciuto una crescita rapidissima e sorprendente e che oggi conta più di 13mila500 iscritti. L’iniziativa spontanea e disinteressata di tre persone, Giampiero Guglielmi e Franco e Maurizio Malè, si trasforma quindi ben presto in un importante punto di riferimento virtuale per imprenditori e professionisti del settore e proprio da questa esperienza nasce ANPALS, Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi, di cui Guglielmi è oggi presidente.

Classe 1964, originario di Lecce, conosce in modo molto approfondito il mondo dello sport, avendo iniziato già da bambino col nuoto e avendo praticato poi windsurf e bodybuilding. Ha due lauree: una in Economia e una in Dietetica e Nutrizione applicate allo Sport. Lavora nelle palestre da 35 anni, prima come istruttore e personal trainer, poi da titolare. Ha ricoperto incarichi da dirigente sportivo e fa parte della dirigenza del Coni Puglia e della Scuola Regionale dello Sport del Coni Puglia. 

Giampiero, come è nata l’idea del gruppo Facebook “Riapriamo le palestre” da cui poi ha avuto origine Anpals?
Ho aperto questo gruppo, insieme ai colleghi e amici Franco e Maurizio Malè, perché nel corso del lockdown c’era un grande malessere tra gli operatori del nostro settore e abbiamo quindi voluto creare uno spazio di condivisione, confronto e anche di informazione e supporto. Il riscontro che abbiamo avuto è stato sorprendente, il gruppo è cresciuto il maniera vorticosa e così abbiamo avuto l’idea di fondare questa associazione.

Qual è lo scopo di Anpals?
Tutelare le due categorie alle quali ci rivolgiamo: i titolari di palestre e i lavoratori sportivi. 

In quale modo?
Vogliamo innanzitutto diffondere una cultura imprenditoriale diversa da quella oggi dominante, una cultura e una mentalità che mettano le palestre italiane nelle condizioni di resistere alla concorrenza delle grandi strutture multinazionali. Questo è possibile innanzitutto offrendo servizi più numerosi e di qualità e un alto livello di professionalità. Non ha alcun senso invece dar vita a questa sorta di guerre di prezzi alle quali spesso assistiamo tra realtà dello stesso territorio. In questo senso offriamo quindi consulenza e supporto. E poi, nel lungo periodo, intendiamo batterci a livello nazionale per ottenere come categoria una maggiore equità fiscale e l’uniformazione delle varie tipologie associative, sul modello della gran parte degli altri Paesi europei. 

E per quanto riguarda i lavoratori dello sport?
Per loro intendiamo garantire standard retributivi e contrattuali adeguati. A questo proposito, tra i nostri obiettivi abbiamo anche quello di fondare un Albo nazionale dei Tecnici Sportivi con un test di ingresso serio che garantisca un alto livello di professionalizzazione per coloro i quali ne fanno parte. 

L’associazione offre anche molte opportunità di formazione...
Sì siamo attivi anche in questo ambito, anche attraverso corsi online, e tra i nostri progetti c’è tra l'altro quello della creazione di un Albo dei Tecnici Formatori da estendere anche a discipline come il body building, il fitness, lo yoga e il pilates per le quali è indispensabile l’avvento di un sistema formativo serio e ben strutturato.

Quali sono i vantaggi per gli iscritti Anpals?
Garantiamo il miglior trattamento possibile da parte degli enti di affiliazione sportiva e abbiamo convenzioni in atto che permettono di accedere a prezzi calmierati e condizioni vantaggiose anche per quanto riguarda le polizze assicurative. E ancora consentiamo l’iscrizione al registro Coni con una tariffa molto conveniente e l’accesso a linee di credito e coperture assicurative con istituti finanziari-assicurativi. Abbiamo inoltre in essere convenzioni con società pubbliche e private per l’abbattimento dei costi relativi alle utenze: telefonia, luce, gas.

Quali prospettive e quali sfide attendono il mondo delle palestre?
Purtroppo da parte del governo non sono arrivate e non credo che arriveranno soluzioni concrete ed efficaci e temo che il comparto continuerà a soffrire anche in autunno e forse oltre. Per questo sono particolarmente importanti gli obiettivi che Anpals si pone, in particolare quello di dare voce e rappresentanza a professionisti e imprenditori del settore. Il proposito più ambizioso che ci poniamo è proprio quello di mettere insieme titolari di palestre e istruttori, che invece si trovano spesso in contrasto tra di loro. Il messaggio che intendiamo far passare è che se le due categorie si decidessero a remare nella stessa direzione, impegnandosi al rispetto e alla collaborazione reciproche, ne gioverebbero entrambe e ne gioverebbe anche il mondo del fitness in generale. Questa è la principale sfida che ci poniamo, sicuramente complessa sì, ma siamo degli sportivi, le sfide ci piacciono...

Anpals ha la sua sede principale a Roma, ma è organizzata in delegazioni regionali e provinciali che operano a livello territoriale. Scopri di più e contattaci per maggiori informazioni.